1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer>

Il Blog di Ugo Parisi

parisi

Ugo Parisi e' nato il 22 gennaio del 1960 a Napoli, e' laureato in Scienze Politiche, sposato e ha 4 figli, che segue giorno dopo giorno, nonostante i suoi numerosi impegni lavorativi.

» Leggi tutto...
Previous
Succ.

Scritto da Administrator 06 Maggio 2011

Scandaloso

Le eventuali modifiche all'articolo 18 della Legge 300/70, pare, non riguarderanno i dipendenti pubblici.
E' scandaloso non perché i dipendenti della pubblica amministrazione non vanno tutelati, ma perché ancora una volta si crea una discriminazione tra lavoratori in Italia e quest'azione da un segale chiarissimo: LE MODIFICHE ALL'ARTICOLO 18 NON SERVONO A RILANCIARE RIPRESA E OCCUPAZIONE MA SOLO A FARE UN FAVORE AI DATORI DI LAVORO PER SEMPLIFICARE AL MASSIMO I LICENZIAMENTI ,DI QUALSIASI TIPO SIANO, PROBABILMENTE NEL RISPETTO DI IMPEGNI CHE QUESTO GOVERNO HA PRESO IN TEMPI NON SOSPETTI.


Scritto da Administrator 01 Dicembre 2009

Baci e abbracci

fornero_marcegagliaUn articolo sul sito dellANSA, definiva la Sig.ra Ministra Elsa Fornero come la Lady di Ferro Italiana. 

Adesso, aldilà del grande rispetto che la Sig.ra merita come donna e come persona, però, mi viene da pensare che è un po come paragonare De Gasperi a Paperino.

Fate un po voi.

Dopo le lacrime versate al debutto , la Lady di ferro de noiartri non me ne vogliano gli amici romani per la citazione in romanesco, appunto, è passata , dicevamo dopo le copiose lacrime ai gioiosi , affettuosissimi e  rassicuranti abbracci alla Sig.ra Presidente di Confindustria Emma Marcegaglia che dopo aver perso pezzi importanti del proprio associazionismo, quali la FIAT, potrebbe, vista lattuale situazione e i continui ultimatum del succitato ministro, portare a casa, ai propri iscritti , addirittura il potere di decidere del destino dei propri dipendenti e delle loro famiglie, il cosiddetto licenziamento facile, impropriamente detto ,anche, flessibilità in uscita.


Scritto da Cirpaolo 18 Marzo 2008

ART. 18

articolo-18Dopo quasi 30  di sindacato ho sentito la necessità di dire la mia sulla vertenza per la riforma del mercato del lavoro fortemente voluta dal governo e da Confindustria e chiarirò, secondo il mio modo di vedere che cercherò di motivare nella maniera più semplice possibile, quello che ci potrebbe essere di positivo o di negativo nella stessa, aprendo una discussione sul canale Facebook con tutti coloro che vorranno partecipare e dare voce ad un movimento popolare che chiarisca un po a tutti coloro che ne avessero la necessità che qualcosa siamo anche noi in grado di giudicare e valutare , del resto in democrazia è un modo più che lecito per far capire a chi ci governa che non siamo più disponibili a restare fermi aspettando che un gruppo di persone benché qualificate nei loro campi decidano per noi, e io credo , in alcune occasioni, in maniera  palesemente strumentale e faziosa.

Chiarisco il mio concetto.

Il Prof. Monti con tutto il suo staff , ha sicuramente fatto molte cose positive, portando l’azienda Italia in una posizione sicuramente più sicura rispetto a qualche mese fa.


Scritto da Ugo Parisi 17 Marzo 2015

Il l JOBS ACT non si applicherà nel pubblico impiego

jobsact-renziIL JOBS ACT SOLO PER I PRIVATI, E’ UN DATO CHE PUO’ FARE PIACERE , INTENDIAMOCI , PUO’ FARE PIACERE PERCHE’ ALMENO AI LAVORATORI DEL PUBBLICO IMPIEGO VIENE RISPARMIATO DA QUESTO VERO E’ PROPRIO OBROBRIO GIURIDICO. MA A QUESTO PUNTO  MI VIENE UN DUBBIO , LA RIFORMA DEL LAVORO NON SAREBBE DOVUTA SERVIRE PER FARE SI CHE TUTTI AVESSERO PRATICAMENTE GLI STESSI DOVERI, SI GLI STESSI DOVERI PERCHE’ I DIRITTI VENGONO PRATICAMENTE ABOLITI DA QUESTO MOSTRO CHIAMATO JOBS ACT , TANTO DECANTATO DA RENZI E DAI SUOI ACCOLITI.

SI DICEVA , INFATTI, CHE NON ERA GIUSTO CHE SOLO PARTE DEI LAVORATORI DOVEVANO GODERE DEI DIRITTI  DI ALCUNI ARTICOLI DELLA LEGGE 300, ALLORA COSA SI RITIENE OPPORTUNO FARE, NON ESTENDERE I DIRITTI A TUTTI COLORO CHE NON L’AVEVANO, MA , BENSI’ TOGLIERLI IN PRATICA A TUTTI , IN QUESTO MODO , SECONDO LE CONTORTE IDEE DEI NOSTRI GOVERNANTI  LA QUESTIONE DISCRIMINATORIA SAREBBE STATA SANATA , DIRITTI PER TUTTI, NO ,AFFATTO, DIRITTI PER NESSUNO E QUINDI TUTTI UGUALI.

ALLORA COME SPIEGANO ADESSO LA DISCRIMINAZIONE TRA LAVORATORI DEL PUBBLICO IMPIEGO E DEL SETTORE PRIVATO, E’ NORMALE CHE ADESSO IN ITALIA CI SIANO LAVORATORI CHE HANNO TUTELE COMPLETE SULLA GARANZIA DEL POSTO DI LAVORO E LAVORATORI CHE INVECE POSSONO ESSERE LICENZIATI IN QUALSIASI MOMENTO?



Pagina 5 di 5

Ultime notizie

Login

RSS Syndicator

Ugo Parisi Ugo Parisi

Video

CENSURATO DA TUTTE LE TV ITALIANE CONDIVIDERE è UN DOVERE
Lavoro, Fornero Su articolo 18 nessun tradimento
casus telefon
casus teleon
casus telefon